Accumulatori idraulici

Gli accumulatori idraulici sono componenti oleodinamici che hanno la funzione fondamentale di mantenere il più possibile regolare nel tempo l’andamento dei valori di pressione e di portata dell’olio che circola nel sistema oleodinamico, rendendone “fluide” e senza picchi le variazioni. Per questo loro importante ruolo gli accumulatori possono essere impiegati, per tempi molto brevi, in sostituzione o integrazione delle pompe.

Ne esistono di 3 tipi:

  • A membrana
  • A sacca
  • A pistone
Accumulatori-idraulici-oleodinamici-a pistone

Inoltre, oltre all’accumulo di energia, permettono l’attenuazione della sovrappressione dell’impianto, riducendo l’onda d’urto nei circuiti idraulici, impedendo la cavitazione.

Se stai cercando un’azienda che si occupi della fornitura, della riparazione e della revisione di accumulatori idraulici, non esitare a contattarci.

Prezzi-accumulatori-idropneumatici-a-membrana
Vendita-accumulatori-a-sacca
Indicata-nei-dati-tecnici

Tipologie di accumulatori

  • A membrana: nell’accumulatore a membrana le due camere sono separate da una membrana di forma sferica curvata verso il basso; il gas di precarica, immesso nell’accumulatore attraverso un’apposita valvola, occupa tutto il volume dell’accumulatore.
  • A sacca: il loro funzionamento è simile a quello a membrana. L’olio entra dalla parte inferiore andando a ridurre il volume a disposizione del gas, che viene a sua volta compresso e può restituire il volume d’olio accumulato in caso di calo di pressione.
  • A pistone: nell’accumulatore a pistone il gas ed il fluido sono separati da un pistone flottante che scorre in un cilindro; la tenuta tra gas e liquido è assicurata da guarnizioni.
Pressione-ad-azoto
Revisione-circuiti-idraulici-oleodinamici
Portata-dell-olio

Come scegliere il giusto accumulatore

Nella scelta dell’accumulatore bisogna considerare alcuni fattori:

  • La pressione massima indicata nei dati tecnici non deve mai essere superata e, considerando eventuali aumenti di temperatura, la pressione di lavoro dovrebbe essere circa l’80% della pressione massima di esercizio dell’accumulatore.
  • Per garantire un lavoro ottimale dell’accumulatore, la pressione minima di lavoro dovrebbe essere circa il 10% superiore alla pressione di precarica dell’accumulatore.
  • Il volume dell’olio a disposizione è da analizzare in ogni singolo caso.

Per richiedere maggiori informazioni in merito ai nostri accumulatori idraulici, contattaci!

WhatsApp chat